UNA BELLEZZA DA VIVERE

Il Festival dedicato ad Antonio Santori

dal 24 al 30 Agosto 2024

Sant'Elpidio a Mare (FM)

“Perché essere in questo luogo è molto,
e certo dire dove siamo è il nostro compito”.

Antonio Santori

L’intera vita di Antonio Santori è stata una domanda, un dialogo, un dono.

Il 14 Marzo 2024 avrebbe compiuto 63 anni, se un destino differente non l’avesse prematuramente chiamato Altrove diciassette anni fa. Il desiderio di omaggiare, con il Festival “Una bellezza da vivere”, che si svolgerà nell’ultima settimana di Agosto a Sant’Elpidio a Mare, la sua figura di poeta, di critico, di docente e di infaticabile operatore culturale e sociale nasce sia dal dovere che dalla necessità. Il dovere di far conoscere a chiunque la sua poesia, frutto di una mente vulcanica, dotata di rapidissima intuizione e disarmante attualità. La necessità di continuare ad interrogarci, grazie ai suoi versi, sul senso della vita, su ciò che può ancora, e deve ancora, dirsi umano.

Come ci ha dimostrato egli stesso, prima a Sant’Elpidio a Mare, dove fu assessore alla cultura, poi a Fermo, dove ideò e diresse il Festival Europe, in “provincia” si può fare grande cultura e la cultura mobilita, attira, produce economia, così noi, eternamente suoi allievi, marchiati dalla sua passione per il teatro, per la parola, la poesia, la ricerca della verità, raccogliamo con umiltà ed entusiasmo il testimone che ci ha lasciato in eredità.

C’è sempre stato un Altrove nella mente e nella parola di Antonio Santori. Ne era davvero convinto, esiste un atto, quello del nominare, attraverso il quale l’uomo investe di significato, dà un compito e quindi un senso ad ogni elemento della realtà. Come fosse davvero possibile uscire da sé per arrivare al fondamento dell’essere. E tornare, dopo aver ascoltato e visto.

Ma tornare da dove? Da un luogo Altro, dove è come se le cose esistessero in attesa di essere scoperte e portate alla luce. Un limen, un confine da attraversare, una linea sopra la quale tentare di mantenere l’equilibrio per provare così ad osservare e ascoltare quello che la Natura ha da dire, un attimo prima che fossimo noi a farlo. Il poeta, quello vero, secondo Santori ha tale missione e perciò deve partire, osservare, fare, riportare. È un’epica, quella del nominare. Quasi una responsabilità civile.

Da tale esigenza trae ispirazione il Seminario di Teatro-Danza “Il nome delle cose” diretto dalla regista e coreografa Mizar Tagliavini, affiancata da Gabriella Greco e da Cesare Catà, che si svolgerà presso il Teatro Cicconi dal 24 al 30 Agosto. Durante questa settimana i 16 artisti selezionati (cantanti, attori, danzatori) saranno guidati nell’esplorazione dell’eco delle parole di Antonio, che verranno restituite in gesto danzato ed in voce cantata e recitata durante la performance finale itinerante ed in site specific che si terrà il 30 Agosto, nell’anniversario della morte del poeta.

La vita e la morte percorrono “La linea alba” con un gioco di equilibri. Avere a che fare con l’origine e la creazione, avere le mani in pasta coi diamanti e i detriti del mondo per il poeta elpidiense significava trattare inevitabilmente con i giovani, con la loro educazione. Aveva una formazione greca e filosofica, sapeva il valore culturale della comunità, di quel senso di collettività che il nostro tempo sta man mano facendo scomprarire, del “conoscere insieme” attraverso il dialogo, il teatro, la letteratura, la scienza, la filosofia. Questo faremo durante il Festival! Ci affideremo alla creatività dei giovani del C.A.G. Wonder, che applicando l’arte del Caviardage daranno vita a nuovi componimenti; al talento di due fotografi fermani (Marilena Imbrescia e Cristian Ribichini), che tradurranno in immagini la potenza del linguaggio poetico; alla sensibilità artistica di scrittrici come Lucia Tancredi e poeti come Gianfranco Lauretano e Davide Rondoni, che ci aiuteranno a riflettere sui temi cardine della sua poetica; alle coinvolgenti interpretazioni dei suoi versi affidate alle voci degli attori: Giudo Sciarroni, Giulia Poeta e Pamela Olivieri ed alle mani del pianista e compositore Fabio Capponi, affinché la sua poesia ci faccia tornare a guardare la realtà con occhi diversi, occhi più consapevoli, più curiosi. Occhi pieni di stupore.

Bibliografia: Antonio Malagrida, La poetica del nominare, Pelagos letteratura online, 21 Maggio 2018

Presto on line
il programma completo

Presto scoprirai tutte le attività, gli spettacoli, le mostre e i laboratori che si svolgeranno dal 24 al 30 Agosto nelle varie location della città di Sant’Elpidio a Mare. Rimani connesso e vivrai un’esperienza unica di bellezza e cultura .

dal 24 al 30 Agosto

IL NOME DELLE COSE

Laboratorio di Teatro-Danza su la "Linea Alba"

“Chi scrive non guarda la linea alba solo dall’esterno del corpo bensì, soprattutto, dall’interno: come se la voce narrante provenisse da un cavernoso stato fetale, come da dentro una Madre. Ecco che allora il poeta qui diviene, a un tempo, Pinocchio e Giona, e il ventre della balena quello della grande Madre-universo. Da lì, da quel luogo pre-natale in cui il mistero della nascita sfiora quello della morte, questo poema si fa totale e disperata, fisica e gridata ricerca di un padre.”

Cesare Catá.

dal 24 al 30 Agosto

Sei un artista?

Partecipa al Laboratorio di Teatro-Danza

Scadenza iscrizioni 30 Giugno

iL Laboratorio di Teatro Danza “IL NOME DELLE COSE” si svolgerà presso il Teatro Cicconi e sarà diretto dalla danzatrice, regista e coreografa Mizar Tagliavini, affiancata da Gabriella Greco (tecniche corali e metodo Lichtemberg) e da Cesare Catà (consulenza sul testo e accompagnamento al significato).

Il seminario è rivolto a danzatori, performer, attori, cantanti (professionisti e semi-professionisti, dai 18 ai 65 anni), che partendo da una selezione di versi tratti da “Linea Alba” saranno guidati nell’esplorazione dell’eco delle parole usate da Santori, correlandole alla propria vita umana ed artistica. Essi intraprenderanno un processo di composizione attraverso l’uso del gesto danzato e della voce parlata e cantata, che convergerà nella performance itinerante ed in site specific che si terrà all’ora del tramonto a Sant’Elpidio a Mare, lungo le vie del centro storico, venerdì 30 Agosto (anniversario della morte del poeta).
Il 10 Luglio sarà definita la rosa dei partecipanti, selezionati da una commissione qualificata tra tutti coloro che, entro il 30 Giugno, si iscriveranno compilando il form contenuto nel bando relativo al seminario, già presente su tutte le piattaforme digitali del Comune di Sant’Elpidio a Mare da martedì 30 Aprile

dal 24 al 30 Agosto

Scopri i tesori nascosti di Sant'Elpidio a Mare

dal 24 al 30 Agosto

Scopri i tesori nascosti di Sant'Elpidio a Mare

Il festival Una Bellezza da Vivere 2024 è l’occasione perfetta per scoprire i tesori nascosti di questa città ricca di cultura e storia. Fate una passeggiata per le vie del centro storico e ammirate l’architettura antica delle chiese e dei palazzi, visitate il Museo Civico per scoprire la storia della città, e godetevi l’atmosfera delle piazze animate dagli eventi pomeridiani e serali.

Info e contatti